mercoled, novembre 22, 2017 20:07

Animus Noctis – A Tale of the Forgotten Ones (Ep, 2010)

Ep, autoprodotto dal giovane combo tedesco Animus Noctis.
Rilasciato solo sotto forma di mp3 gratuiti scaricabili dal myspace ufficiale della band.
Dopo il primo demo ” Journey through a Grotesque Dream ” rilasciato nel 2010, tornano nello stesso anno, a mostrarci numerosi progressi in fase compositiva.
Il duo si forma nel 2009, la formazione è la seguente : Nox – voce, chitarra, programmazioni; Animus – basso, programmazioni.
Lo stile musicale proposto dal duo tedesco è incentrato sulle tematiche del suicidio e della depressione quindi si può catalogare nel filone suicidal-depressive black metal.
“ A Tale Of The Forgotten Ones “ la title-track apre l’ep nel migliore dei modi, grazie ad un ottimo riff portante che si ripete per gran parte del brano donando un pizzico di melodia e innumerevoli dosi di malinconia. Nox svolge un gran lavoro fra programmazioni, chitarra e voce (ottimo scream non troppo spinto o sofferto come succede fin troppo spesso in ambito depressive black metal). Il ritmo è sostenuto e anche la drum machine non risulta eccessivamente “virtuale” ma ben si amalgama nella costruzione sonora del brano. Non mancano cambi di tempo e ritmo. Un esempio evidente lo riscontriamo superando abbondantemente i due minuti. Troviamo una pausa, con una solida base strumentale eretta da chitarra, basso e drum machine. Superata questa parentesi la composizione riprende il tema iniziale. Ottima apertura.
“ Retribution “ La seconda traccia dell’Ep si apre con un solido riff chitarristico affiancato fin dalle prima battute da una corposa ritmica ben alimentata da basso e drum machine. In questo brano la voce di Nox, così come l’insieme strumentale risulta ancor più “in your face” grazie ad una produzione ottimale che accentua notevolmente le qualità dei musicisti tedeschi. Animus esegue un gran lavoro al basso con giri ritmici precisi e potenti. La composizione è dritta e sparata fino al terzo minuto e venti, quando improvvisamente troviamo un ottimo cambio di tempo. Splendida la tessitura strumentale. Superata questa piccola parentesi la composizione ritorna ai fasti iniziali. Ottimo il riff portante del brano che di tanto in tanto ritorna assoluto protagonista nel brano.
“  Transilvanian Hunger “ La cover dei mitici Re incontrastati del black metal è un giusto tributo, ben fatta ma, come al solito, anche solo paragonarsi ai Re indiscussi del genere è praticamente impossibile. Tuttavia siamo di fronte ad un buon tributo.
A conti fatti; la qualità c’è ed è indubbia.
Se il gruppo saprà mettere a fuoco quei pochi errori presenti nell’ep sono sicuro che potrà godere di una longeva carriera nell’ambito black metal.
Notevole la cover dei mitici Darkthrone, anche se confrontarsi con maestri del genere è sempre molto difficile.
Attendo ulteriori sviluppi compositivi e un nuovo album, magari un full, per poter giudicare meglio l’operato del combo tedesco.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio Complessivo : 7,5/10

Tracklist

1.A Tale Of The Forgotten Ones
2.Retribution
3.Transilvanian Hunger (Darkthrone Cover)

Comments are closed.