luned, novembre 20, 2017 13:29

Alcest / Les Discrets (Split, 2009)

Split realizzato dalla Prophecy Productions sia in doppio cd, sleeve, limitato a 1.000 copie che in vinile, 12″, limitato a 500 esemplari al Mondo.
Lo split contiene composizioni inedite, o non ancora rilasciate e tre tracce esclusive.
Da una parte troviamo il progetto francese Les Discrets autore di un coinvolgente post-rock ai confini col goth più raffinato.
Il combo francese si presenta con questa formazione : Fursy Teyssier (chitarra, basso, voce); Winterhalter (batteria);  A. Hadorn (voce). e stupisce fin da subito grazie alla raffinatezza compositiva e alle indubbie capacità tecniche.
“ L’Échappée “ si presenta fin da subito come piccolo grande capolavoro compositivo. Ottima nella sua semplicità la struttura ritmica del brano, immensi gli inserimenti chitarristici accompagnati da una distorsione soave e trasognante ma che sa essere tagliente quando occorre. Molto interessante il cantato di  A. la struttura compositiva è molto personale e molto ben realizzata.  Splendido lo stacco centrale, cui segue una ottima ripartenza strumentale con le chitarre in evidenza sull’ottima tessitura ritmica di basso e batteria. Composizione elegante.
“ Après l’Ombre  “una delle tre tracce realizzate appositamente per lo split. Ottimo l’utilizzo delle due voci (maschile e femminile) che si incontrano su una ritmica acustica realizzata da chitarre che sembrano rincorrersi e da uno straordinario basso, ritmicamente ineccepibile, che alimenta la potenza sonora proposta dal combo francese. Anche stavolta ci troviamo di fronte ad una composizione particolarmente elegante anche se manca quel graffio, quel quid in più, che aveva la precedente. Nonostante questo, la traccia rimane godibile.
“ Song for Mountains (Demo) “  Altra composizione esclusiva, si tratta di un demo meraviglioso. Introduzione da pelle d’oca con rumori naturali e chitarra classica che disegna arpeggi delicati. Questa magnifica introduzione dura fino al primo minuto e venti, dove interviene la voce e si entra nel vivo del brano grazie anche alla splendida andatura ritmica di basso e batteria ma, soprattutto, per gli splendidi quanto dissonanti inserimenti chitarristici. Per quasi due minuti la composizione cambia radicalmente. Possiamo ascoltare di nuovo la chitarra classica che disegna arpeggi trasognanti e il solo cantato in francese. Dopo questa parentesi il brano torna elettrico con pregevoli inserimenti chitarristici alimentati da una grande performance del batterista.
Finita la parte dedicata ai Les Discrets è la volta dello storico (e stupendo) progetto di Neige : autore di voce, basso, chitarra, tastiere e linee ritmiche di batteria coadiuvato da Winterhalter (batteria).
Inutile introdurvi uno dei migliori progetti black metal (anche se definirlo solamente tale sarebbe avventato) proveniente dalla Francia.
“ Percées de Lumière” a dir poco strepitoso il riff portante del pezzo. Ritmicamente perfetto, meravigliosa la distorsione usata e con un gran gusto melodico. Quando entra in scena anche il basso (tecnicamente eccezionale) e la batteria (potente e molto ben suonata) il brano è quasi completo. A completarlo ci pensa l’ottimo scream del geniale Neige. Nel brano non mancano virtuosismi, cambi di tempo e relative ripartenze melodiche con inserimenti chitarristici a dir poco perfetti. A ridosso del terzo minuto possiamo anche ascoltare lo splendido clean vocale del grande Neige. Meravigliosi i ripetuti e costanti cambi di tempo e ritmo che denotano tutte la competenza tecnica del geniale artista francese. Traccia perfetta e molto raffinata.
“  Circe Poisoning The Sea “ traccia esclusivamente creata per lo split da Neige. Da brividi l’arpeggio iniziale, acustico, creato con grande perizia tecnica. La base portante del brano sarà proprio la chitarra classica suonata con grande maestria ed intarsi ritmici interessanti presenti qua e là a dare un tocco ancor più elegante al brano. Ottima anche la presenza vocale in clean che funge da strumento vero e proprio aggiunto. Non si tratta infatti di cantare una lirica ma di seguire con le corde vocali l’andamento ritmico del brano. Brano decisamente suggestivo che chiude alla grande lo split regalandoci un’ultima perla musicale di rara bellezza.
Sicuramente qui, di “black metal” in senso stretto c’è veramente poco, se non una spiccata sensibilità artistica e le tracce del progetto Alcest (in parte).
Per il resto si tratta di pura poesia post-rock egregiamente composta, strutturata e suonata da due ottimi progetti francesi.
Ancora una volta, giù il cappello per Neige e il suo progetto Alcest, capace di creare atmosfere variegate e particolarmente eleganti. Per quanto riguarda i i Les Discrets posso solamente dire che sono una graditissima sorpresa.
Disco consigliato a tutti gli amanti della buona musica.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio Complessivo : 8,5/10

Tracklist

Tracks 1, 2, 3 by Les Discrets
Tracks 4, 5 by Alcest

1.L’Échappée
2.Après l’Ombre (Exclusive)
3.Song for Mountains (Demo) (Exclusive)
4.Percées de Lumière
5.Circe Poisoning The Sea (Exclusive)

Comments are closed.