martedì, novembre 21, 2017 10:00

Akitsa – Sang Nordique (2002)

Onestamente non so a livello intellettuale quanto sia giusto per una band Canadese intitolare un disco Sang Nordique, ma tralasciando questi aspetti che puntano più sull’aspetto estetico che su quello concettuale il secondo parto di Akitsa è un ulteriore maturazione nei confronti di un Black Metal ancora più freddo e marcio.
Solitamente non parlo mai degli involucri dei dischi, ossia delle copertine, ma devo ammettere che questo artwork possiede veramente un qualcosa di atmosferico e nero, ovviamente è allineato alla tradizione delle copertina in bianco e nero ritraenti foreste e compagnia bella, ma stavolta è diverso, è molto comunicativa.
Venendo invece all’argomento più interessante bisogna sottolineare l’ottima scrittura dei brani, che pur mantenendo un approccio grezzo e maligno si forgiano di un buon impatto melodico, fa in modo che le canzoni rimangano facilmente impresse nella memoria.
Riposte, Frontière, la title track e anche la conclusiva e lunga Fin, mettono bene in mostra le intenzioni di Akitsa.
Freddezza, gelo e misantropia.

Recensione a cura di: BurdeN

Giudizio complessivo: 7,5/10

Tracklist

1.Introduction
2.Riposte
3.Frontière
4.Sang Nordique
5.Au Combat
6.Vers La Victoire
7.La Nature De Mon Pays
8.Fin

Comments are closed.