sabato, novembre 18, 2017 13:46

Akercocke – Antichrist (2007)

Gli Akercoke sono una band inglese attiva già dal 1999, propongono un BM aristocratico, contorto, ben studiato e rappresentativo della cerebralità dei vari componenti del gruppo.
Li si potrebbe definire caravaggeschi nel loro stile, riescono a bilanciare musicalmente luci ed ombre dell’inconscio umano.
Chi li conosce sa che ha a che fare con il fuoco, l’elemento naturale che è l’antitesi della staticità; come le fiamme, infatti, la loro musica è un susseguirsi di dinamicità vibrante sentimenti occulti in cui si creano momenti di apparente linearità per poi dar libera espressione ad atmosfere equilibratamente malsane,quasi a sfiorare la follia pura.
Il loro quinto full lenght Antichrist ha un concept incredibilmente ricco.
La stessa band ammette che l’epiteto del grande antagonista le ha permesso di avere un grande spazio metaforico entro il quale lavorare, impegnandosi a rendere certi elementi con maggiore violenza e cattiveria e creando atmosfere volutamente inquietanti e malsane.
Traendo spunto  dalla rabbia  e dal totale disgusto per  la storia umana recente, non è stato difficile trovare la giusta quantità di malizia e rancore per evocare lo spirito dell’antitesi violenta, della lussuria sanguinaria e dell’opposizione totale all’inutilità umana.

Recensione a cura di: Blackraven

Giudizio complessivo: 8/10

Tracklist

1.Black Messiah
2.Summon the Antichrist
3.Axiom
4.The Promise
5.My Apterous Angel
6.Distant Fires Reflect the Eyes of Satan
7.Man Without Faith or Trust
8.The Dark Inside
9.Footsteps Resound in an Empty Chapel
10.Epode

Comments are closed.