lunedž, novembre 20, 2017 05:32

Aenaon – Phenomenon (Ep, 2009)

Ep edito dalla Bleak Art Records.
Aenaon è un progetto del sottobosco greco che si forma nel 2005. Questa è la prima release per loro.
Questa l’attuale line-up : Astrous – voce, testi; Draugen – chitarre; Dagwn – chitarre; Thyragon – basso; Vanghmar (Lazaros Emanouilidis) – batteria.
Il gruppo ci propone una versione, convincente e molto personale, a cavallo fra sonorità black e death metal.
Il risultato è un Ep notevole, ma procediamo con ordine.
‚Äú Et In Arcadia Ego ‚Äú la prima traccia del lotto √® introduzione all’opera creata dai greci Aenaon. Una particolare intro strumentale particolarmente apprezzabile che trova agganci con parecchi generi musicali differenti e ci introduce in maniera perfetta alla prima composizione vera e proprio del lotto.
‚Äú Perdition, A New Era ‚Äú E’ con questo brano che, finalmente, si aprono i cancelli dell’inferno e possiamo ascoltare tutta la preparazione a la compattezza sonora del combo greco. Ottime le scream vocals, determinanti i riff chitarristici, drumming feroce (nonch√© in alcune parti estremamente tecnico). Nel brano, ovviamente, non tardano ad arrivare cambi di tempo, ritmo e pregevolissimi inserti chitarristici che donano un minimo di melodia in un marasma sonoro di pura perfezione nera che non sfocia mai nell’eccessivo o nel cacofonico.¬† Astrous alla voce √® a dir poco devastante con uno scream perfetto sotto ogni punto di vista. Ottima la coppia di asce e l’ottimo lavoro ritmico di basso e batteria. Da brividi la parte centrale, realizzata in maniera incredibile e composta in modo egregio dal combo greco.
“ The Virus Code “ la naturale evoluzione della traccia precedente. La voce è sempre in piano piano grazie ad uno scream perfetto e personale, ma il resto del gruppo non sta a guardare. E produce una struttura strumentale notevolissima. Ottimi i fraseggi chitarristici (iperdistorti) presenti nel brano già dai primi minuti. Molto buoni i riff chitarristici incessanti che segnano il terreno per la venuta devastante della batteria e del prepotente scream del singer Astrous. Magnifico il testo, particolarmente ricco dal punto di vista esoterico/occulto il che dimostra la preparazione culturale del gruppo oltre che quella musicale già notevolmente dimostrata nella prima canzone.
‚Äú And… Chaos Enthroned ‚Äú Riff chitarristici interessanti e distorti introducono il brano, assieme ad un blast-beat tellurico che prepara il terreno per le meravigliose scream vocals di Astrous. Nel brano non mancano preziosi cambi di tempo e ritmo che determinano una maggiore longevit√† e che dimostrano tutte le abilit√† tecnico-strumentali del gruppo. Immensi sia i fraseggi chitarristici presenti nel brano che gli inserimenti ‚Äúmelodici‚ÄĚ creati per introdurre nel brano un pizzico di melodia chitarristica e spezzare un minimo la tensione creata. Composizione eccellente.
‚Äú Navel ‚ÄúIntrodotta da preziosismi tecnici (primo fra tutti il geniale utilizzo ritmico del basso) ecco giungere la quinta traccia del lotto. Una splendida cavalcata di pura arte nera condita alla grande dalle indubbie capacit√† della band a livello strumentale, dall’ottimo scream e dagli splendidi testi che trasudano conoscenza ermetico-esoteriche. Nel pezzo troviamo anche numerosi cambi di tempo e ritmo con stacchi e successive ripartenze assassine di puro black metal nelle quali il batterista¬† Vanghmar sfoggia tutta la sua incredibile velocit√† d’esecuzione e sopraffina tecnica. Nella composizione troviamo anche degli splendidi fraseggi chitarristici che arricchiscono il livello compositivo (gi√† praticamente perfetto).
“ Extradimensional Wall “ il muro extrasensoriale prodotto dal combo greco è affascinante ed al tempo stesso inquietante. Meravigliose le parti vocali (filtrate in modo perfetto) ottimo il contorno musicale. Il risultato finale è un ottima canzone-rituale eseguita alla grande con notevoli conoscenze stilistico-compositive e gran gusto. Notevole il finale sfumato.
Mi sento di consigliare questo lavoro a tutti gli amanti della buona musica in generale.
Grandissime le soluzioni tecniche, ottimo il songwriting e devastante la performance vocale.
Difficile dire di pi√Ļ al primo disco ufficiale.
Promossi cum laude.
Attendo il primo full-length con ansia.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio Complessivo : 8,5/10

Tracklist

1.Et In Arcadia Ego
2.Perdition, A New Era
3.The Virus Code
4.And… Chaos Enthroned
5.Navel
6.Extradimensional Wall

Comments are closed.