martedž, novembre 21, 2017 10:03

Ad Hominem – A New Race For A New World (2003)

Secondo disco per gli Ad Hominem, e gi√† a partire dal titolo si evince come i toni si siano fatti pi√Ļ espliciti e ambigui, anche se la loro ‚Äúmilitanza‚ÄĚ nel cosiddetto NSBM √® ormai cosa nota (anche se sarebbe divertente sapere cosa potrebbero pensare di questi metallari con la faccia pittata i vari Himmler, Goebbels, Hess, Bormann‚Ķ).
A livello stilistico le differenze sono veramente poche, se non per il fatto che le canzoni sono maggiormente curate a livello tecnico, ma senza mettere in secondo piano il tipico impatto (a volte scarno) degli Ad Hominem.
Nuclear Black Metal Kampf, Ritual Of The Depraved e Slaughter The Pope rappresentano a dovere questo secondo disco, poi bisognerebbe vedere se bastano per fare nascere una nuova razza… anche se credo il pianeta terra interessato da maggiori problemi in questo momento.
Tornando a parlare di musica questo A New Race For A New World è forse ad ora il loro miglior disco, quello dove il bilanciamento fra potenza e melodia risulta migliore.

Recensione a cura di: BurdeN

Giudizio Complessivo: 7/10

Tracklist

1.Closing Ranks
2.Nuclear Black Metal Kampf
3.Ad Hominem
4.Ritual Of The Depraved
5.Arbeit Macht Tot
6.The Dithyramb Of Sadism
7.Slaughter The Pope
8.Will To Power
9.On Your Ruins We March

Comments are closed.