sabato, gennaio 20, 2018 17:03

Abruptum – Potestates Apocalypsis (2011)

Come sia possibile dare una descrizione sonora ai 4 Cavalieri dell’Apocalisse sembra risultare cosa facile al progetto svedese Abruptum: 4 lunghi brani di non musica, solo rumori, fastidiosi, penetranti, angoscianti, un lungo incubo dove nessuna nota, nessuna qualsiasi forma di armonica sonorità trova spazio. Eppure questa totalità di noise, riesce a  dare corpo ad una delle paure più ataviche e ricorrenti nella storia dell’umanità; un abominio che prende forma e corpo non una ma ben quattro volte: Pestilenza, Guerra,Carestia e Morte.  Se ascolterete bene i rumori di ogni singola traccia, vi renderete conto di come siano i rumori ricorrenti nelle calamità che colpiscono l’umanità, della sua fragilità psicologica e il terrore della sua decadenza fisica: suoni al limite della paranoia nell’identificare la malattia, marziali come il sottofondo della guerra o lugubri  nella rappresentazione della lunga agonia e della morte.
Semplicemente geniale, non ho nessun altra considerazione da esprimere su questo album; peccato che risulterà ostico ai molti, i quali non capiranno quanto abbia colto nel segno quest’opera, semplicemente considerandola un massacro sonoro e psicologico, quello che realmente è….l’Apocalisse, del resto, è un privilegio per pochi.

Recensione a cura di : Blackraven

Giudizio complessivo : 8/10

Tracklist

1. Pestilencia
2. Bellum
3. Fames
4. Mort

Comments are closed.