domenica, novembre 19, 2017 21:32

Abigail / Nekromantheon – Speed n’ Spikes Vol. III (Split, 2008)

7 pollici particolarissimo, splendido da un punto di vista visivo con una copertina splatter veramente ben realizzata e il colore di questo 45 giri non poteva essere più esplicativo.
Si tratta ovviamente di un bel rosso sangue, perfettamente in tema con la copertina.  Di questa versione ce ne sono 500 esemplari.
Split, dicevo, che vede protagoniste due bands.
I giapponesi e famosissimi Abigail, attivi dal 1992 e autori di una discografia sterminata fra demo, live album, ep, full e split. E i norvegesi Nekromantheon, formati nel 2005 e con all’attivo un ep nel 2007 e questo split.
Il lato riservato agli Abigail vede coinvolti i seguenti musicisti : Yasuyuki Suzuki (voce e basso) Youhei (batteria) e Jero (chitarra). Vi è solo un brano, il lungo “Infernal Fucking Blasphemy ” che presenta tutte le caratteristiche che hanno reso di culto il gruppo giapponese. Splendido misto di black e thrash suonato in maniera perfetta. Yasuyuki esegue un lavoro egregio tra la personalissima forma di scream vocals usata e il grande giro di basso tipico del thrash metal venato di nero. Il gruppo infatti, per chi non lo sapesse, esegue un genuino thrash-black. Ottimi gli assoli chitarristici presenti nel pezzo. Eccellente Jero che esegue delle melodie perfette (l’unica cosa veramente melodica in tutto il pezzo) che fanno respirare il brano. Ottimo anche Youhei,  dietro il drumset, che distrugge ossessivamente tutto quello che incontra. Jero con il suo assolo chitarristico nel finale mette la ciliegina su un pezzo veramente notevole.  Dopo l’assolo vi è un cambio di tempo netto, con il basso che disegna melodie decisamente meno veloci e tutta la composizione che si staglia su un bel mid-tempo fino agli ultimissimi secondi.
Il lato “B”, quello riservato ai norvegesi Nekromantheon vede coinvolti questa line-up: Sindre Solem (basso), Arild “Arse” Myren Torp (chitarra), Glenn “Biffen” Iversen (voce), Christian “Kick” Holm (batteria).  “ The Coffin Awaits “  la prima delle due tracce presenti per questo progetto è di una violenza inaudita. Arild “Arse” Myren Torp  esegue un ottimo lavoro, chitarristicamente parlando, realizzando degli splendidi riff sui quali si erige il muro ritmico formato da basso e batteria. Quest’ultima veramente devastante. Ottimo lo scream di  Iversen. Strepitoso l’assolo presente nel pezzo di stampo thrash metal. La composizione dopo l’assolo cambia radicalmente velocità e si assesta su lidi decisamente thrash.
“ Metal Vendetta  “ questa traccia parte mentre la precedente ancora deve finire, vi è in pratica uno sfumato tra la tracia precedente e questa che piano piano si fa largo e si fa ascoltare in tutta la sua violenza fin dai primissimi riff. E si capisce subito che è una canzone particolarmente vendicativa, come lascia più che intuire anche il titolo stesso del brano. Ottimo il blast-beat di batteria, così come eccellenti sono i riff chitarristici costruiti in modo certosino assieme ai giri di basso particolarmente efficaci e ridondanti. Perfetta la voce di  Iversen che si staglia alla grande nel muro sonoro creato dal combo nordico. Spettacolare l’assolo chitarristico presente in questa altra composizione. Molto personale e dinamico.
Split veramente notevole, splendido anche da un punto di vista meramente estetico.
Ottimo lancio per i Nekromantheon e grandiosa riconferma (non poteva essere altrimenti) per la storica black\thrash metal band del Sol Levante.

Recensione a cura di: Darkthrone85

Giudizio Complessivo: 8/10

Tracklist

Abigail
1.Infernal Fucking Blasphemy

Nekromantheon
2.The Coffin Awaits
3.Metal Vendetta

Comments are closed.