lunedì, novembre 20, 2017 05:30

Aaskereia – Aus dem vereisten Unterholz… (Demo, 1999)

Primo demo dello storico gruppo pagan black metal tedesco.
Cd-r autoprodotto e limitato a sole 50 copie nel Mondo.
“ Winternacht “ Dei meravigliosi arpeggi di chitarra acustica aprono nel migliore dei modi il brano. Dopo alcuni secondi possiamo sentire la freddissima voce in scream del cantante. Passa qualche secondo e possiamo ammirare il brano in tutta la sua essenza. Chitarre zanzarose che eseguono dei riff semplici ma particolarmente intensi, così come la batteria che sembra schiacciata, assieme all’egregio lavoro oscuro del basso. La voce rimane perennemente in scream con particolare propensione all’acuto. Nella traccia sono presenti anche diversi cambi di tempo e stile che ne aumentano la longevità. Splendido l’arpeggio portante riproposto a vari intervalli durante il brano. Ottima prima traccia che ci fa entrare subito nel mondo dei blackster tedeschi.
“ Aus dem vereisten Unterholz verschneiter Wälder “ la title-track è introdotta da un ottimo giro di chitarra che si fonde con il resto degli strumenti qualche secondo più tardi componendo un vero e proprio muro sonoro nel quale si erige il cantante con il suo acutissimo scream e la grande abilità del batterista che, dietro il drumset, regala più di un buon passaggio. Cantato acutissimo e particolarmente bestiale. Dalla fittissima ragnatela strumentale riescono ad uscire, a vari riprese, degli inserti chitarristici che donano maggiore armonia al brano.
“ Dunkle Romantik “ introduzione spettacolare creata da ottimi arpeggi chitarristici, un grande uso del basso e la batteria mai troppo presente ma comunque ben salda all’interno del brano. Superata l’introduzione la traccia si evolve e ci mostra parti vocali estreme e anche qualche cambiamento di registro vocale, soprattutto ad inizio brano, con dei momenti sussurrati-recitati in clean che si alternano allo strapotere dell’acutissimo scream. La composizione, nello scorrere dei minuti, cambia diverse volte ritmo e tempo senza però stravolgere troppo l’andamento principale. Splendida la pausa finale con gli arpeggi di chitarra che tornano a farsi sentire in maniera perfetta e la composizione che, poi, esplode in un black metal marcissimo.
Tre tracce che fanno capire esattamente cosa sarebbe diventato uno dei migliori gruppi dell’era pagan/black tedesca.
Non credo che riuscirete mai a trovarlo, ma se un pazzo per qualunque ragione dovesse darlo via compratelo ad occhi chiusi, soprattutto se amate melodie deprimenti e “glaciali” mischiate sapientemente a black metal classico.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio Complessivo: 8/10

Tracklist

1.Winternacht
2.Aus dem vereisten Unterholz verschneiter Wälder
3.Dunkle Romantik

Comments are closed.