sabato, novembre 18, 2017 19:36

AA.VV. – Northern Heritage (Ep, 1999)

7” pollici, boxset, molto raro e particolare. 100 copie numerate a mano, box, contenente 4 Ep, divisi per ognuna della 4 band del roster ovvero :
Blodhammer, Pest, Clandestina Blaze e Nightside.
La Northern Heritage, è un etichetta dell’underground finlandese, dedita ad uscite black metal di stampo prettamente raw. Anche questa volta infatti non siamo di fronte ad un’eccezione.   Interessantissime le band presenti.
4 gruppi conosciuti e apprezzati.
Nightside e Bloodhammer sul lato A; mentre nel lato B troviamo : Clandestine Blaze e Pest.
La prima composizione, è “  The Black Legion Of Satan “ dei Nightside, produzione che definire raw è poco. Il gruppo è una vera forza della natura ed esegue alla grandissima il pezzo. Particolarmente incisivi sono il batterista Beleth e il singer Packalen. Il brano prosegue tranquillamente la sua corsa, fatta di black metal perfetto e stilettate raw “malvagie”, e come non sottolineare ancora il prezioso lavoro dietro il drumset e soprattutto il riffing chitarristico? Ottimo pezzo. Splendida l’ultima parte, dove la composizione diviene una vera e propria marcia di morte, con una batteria che accelera notevolmente il proprio operato. Giù il cappello di fronte ad una delle composizioni più riuscite dell’intera compilazione. Perfetta in ogni suo punto.
È poi la volta dei Bloodhammer con “  Fathoms Of The Graveside ”. Freddissime e marce linee chitarristiche, un basso quasi inesistente, una batteria potente (ma un po’ troppo fredda) e una voce presente, gelida e distaccata. Non mi è andata molto a genio questa traccia, soprattutto per la produzione che per me ne rovina un buon 50%. Detto ciò, il gruppo non ha la potenza e il vigore della band precedente. Ciononostante ci propinano un ottima dose di raw black metal.
Si cambia lato, si passa al lato B, e chi troviamo? Il grande Mikko Aspa con il suo progetto one-man band Clandestine Blaze. In questo split ci regala “Blood Stream “ una composizione che definire grezza, credetemi, è pochissimo. La musica è quasi cacofonica in alcune parti, tuttavia, la sua voce da sola salva tutto. Ottima la batteria, e qualche riff che qua e là riesce ad emergere dal pastone sonoro creato. Ottima dimostrazione di  marciume finnico. Come sempre, il buon Mikko, stupisce sempre per le sue capacità vocali ma anche per la sua creazione del tutto diversa dai Deathspell Omega (uno dei mille progetti di cui fa parte, probabilmente il più importante).
Che dire dell’ultima traccia? Ci troviamo di fronte un gruppo che purtroppo, non esiste più, e che vede alla voce Satanic Tyrant Werwolf. Vocals graffianti, ottimi riff, produzione bella piena, potente, precisa. Ma nonostante tutto comunque grezza. Ottimi gli inserti presi da film, bellissimi i riff chitarristici che  ricordano i primi Bathory. Straordinario pezzo, che chiude alla grandissima un Ep particolare e oramai introvabile.
Massimo rispetto per la gloriosa Northern Heritage, casa discografica che ha sempre sfornato release underground per gente che vive il black nella maniera più genuina possibile.

Recensione a cura di: Darkthrone85

Giudizio Complessivo: 8/10

Tracklist

Side A :

1.Nightside – The Black Legion Of Satan

2.Bloodhammer – Fathoms Of The Graveside

Side B :

3.Clandestine Blaze – Blood Stream

4.Pest – satanic black mass

Comments are closed.