sabato, novembre 18, 2017 13:40

1837 – Prologue (Ep, 2010)

Il combo canadese 1837 si forma nel 2009 ed è alla sua prima release con questo Ep denominato Prologue.
Questa la line-up del progetto : Ian – voce, chitarra, batteria e strumenti folk; Damon Krieg – basso, voce pulita; Artos – chitarre acustiche.
Le liriche del gruppo si incentrano sulla tradizione e sulla storia pagana del Québec e sul patriottismo.
La musica è un black metal a forti tinte folk.
“ Épitaphe des Nobles Guerriers “ Fin dai primi momenti possiamo notare le numerose tinte folk del brano. Dopo pochi secondi introduttivi il pezzo cambia stile virando verso lidi più consoni al black metal senza mai abbandonare la componente melodica. L’effetto sulla voce in sceram è francamente opinabile, il risultato finale non è certamente dei migliori e rovina l’ottima atmosfera sognante ed onirica creata dalla struttura strumentale. Finalmente negli ultimi secondi troviamo un blast-beat e un ritmo più classico e consono ad un gruppo black metal, peccato che la canzone finisca dopo poco grazie ad un bell’effetto sfumato.
“ Le Vieux Chêne “ Introduzione realizzata con chitarra acustica da Artos e rifinita dalla batteria sintetica. Dopo pochi secondi siamo nel cuore del brano, splendida l’atmosfera conferita alla traccia dall’ottima trama strumentale. Superato il primo minuto e venti la composizione cambia radicalmente : da placida si trasforma in una cavalcata black metal; come sempre siamo di fronte ad un’ottima costruzione musicale peccato non si possa dire lo stesso della voce (visto l’orrido effetto utilizzato). La composizione rimane tirata e potente fino al terzo minuto e venti. Dopo troviamo ancora una variazione con un bell’inserimento strumentale ricco di folklore che accompagnerà l’ascoltatore fino al termine del pezzo.
“ Je me Souviens (partie 1) “ interludio folk che non influisce più di tanto sulla bellezza e l’originalità del disco. Traccia evitabile soprattutto per la continua ripetizione strumentale che annoia l’ascoltatore.
“ 1837 “ Struttura sonora come sempre molto buona, splendidi gli inserimenti chitarristici, notevole la drum machine, buono il basso di Damon Krieg. Il punto interrogativo rimane sempre l’orribile effetto sullo scream di Ian che abbassa il livello globale dell’opera. Peccato. Molto interessanti le partiture folk che abbondano nella seconda parte di quest’ultimo brano del lotto.
Un esordio sufficiente, che mette in luce sia le potenzialità del progetto che i suoi difetti (sperando che riescano a breve a mettere apposto il problema degli effetti sulla voce in scream di Ian).
Attendo un full-length per valutare le vere qualità del combo canadese ed i loro miglioramenti.

Recensione a cura di : Darkthrone85

Giudizio complessivo : 6/10

Tracklist

1.Épitaphe des Nobles Guerriers
2.Le Vieux Chêne
3.Je me Souviens (partie 1)
4.1837

Comments are closed.