sabato, novembre 18, 2017 00:50

<0>>0< - Kaleidoscopic Black Depression (2012)

Disco d’esordio per questo progetto nazionale che vide la luce nel 2009 ma che solo ora a distanza di 3 anni, ha deciso di produrre in proprio questo disco, 40 minuti per 6 tracce in totale, in cui vengono evidenziate le varie fasi di un’evoluzione non ancora terminata, ma che ci fa ben capire quale sarà la strada che verrà intrapresa in un prossimo futuro. Se agli esordi si voleva interpretare un ruolo legato al Raw Black Metal, nelle fasi successive si è preferito sviluppare un progetto molto più inerente a quello stile Cyber Progressive tanto caro ai cugini d’oltralpe, mantenendo comunque, uno stile decisamente molto personale, in cui si è preferito espandere e amalgamare le sonorità cibernetiche, ad altre molto più tipicamente Ambient e Atmospheric, cercando di restare fedeli a  quella visione minimalista dell’insieme, sia musicale che vocale, che nel corso degli anni si è mantenuta integra. Non si può ancora esprimere un’opinione ben precisa sull’operato della band, possiamo sicuramente affermare che le potenzialità ci sono tutte e l’idea espressa nell’album è di sicuro valida, ma non siamo ancora giunti alla fine di quell’evoluzione di cui si è parlato in precedenza, quindi, non ci resta che aspettare l’uscita di un futuro lavoro, nel frattempo, penso sia una cosa giusta riporre la fiducia in chi tanto si sta impegnando nella ricerca della propria strada.

Recensione a cura di : Blackraven

Giudizio complessivo : 7/10

Tracklist

1. Nebular Death
2. Black Stellar Depressive
3. Abysmal Travel
4. Fourth Dimension of My Broken Mind
5. Cosmic Overrload
6. Escape From Life on Earth

Comments are closed.